Principi delle indagini sull'umidità

I principi dell'umidità nelle proprietà

Causa ultima

Il trattamento con l'umidità è più efficace e privo di rischi se la causa viene fatta risalire alla fonte dell'umidità e interrotta. Utilizziamo un processo di eliminazione. Una causa può mascherarne un’altra. Raramente occorre molto tempo per fermare l'acqua alla fonte, almeno temporaneamente, ad esempio sbloccando una grondaia o aprendo una finestra. Potrebbero esserci ulteriori opzioni più intelligenti e più durevoli.

Per vedere cosa può andare storto quando la causa principale non viene identificata e fermata.

Le fonti di umidità si dividono in quattro categorie

  1. Acqua piovana; spesso visto come umidità penetrante. Ciò è tipicamente dovuto a grondaie, tramogge, tubi di grondaia, canali di scolo, tetti danneggiati o giardini rialzati danneggiati o bloccati.
    • L'ingresso (o umidità penetrante) è comune negli scantinati. Lo stress termico sull'intonaco esterno può provocare ritiro e fessurazioni tali da consentire la penetrazione dell'acqua.
    • Un controllo dell'acqua piovana davanti e dietro è il punto di partenza di qualsiasi indagine sull'umidità.
  2. Vapore acqueo con conseguente formazione di condensa o condensa interstiziale (all'interno di un materiale da costruzione) e muffa.
    • L’85% di tutta l’umidità segnalata nelle proprietà è causata dalla condensa.
    • La condensa spesso accompagna tutte le altre forme di umidità,
  3. Perdita d'acqua; tipicamente, perdite dell'acqua di rete, del radiatore, dell'acqua di scarico o della doccia.
  4. Acqua sotterranea; noto come umidità di risalita, è causato da una falda freatica alta ed è molto raro.
    • La condensa o i prodotti difettosi per l'acqua piovana vengono comunemente diagnosticati erroneamente come causati dall'umidità di risalita, per motivazioni commerciali.
    • Tutte le altre forme di umidità devono essere attentamente studiate e monitorate nel tempo, prima di prendere in considerazione il trattamento chimico dell'umidità di risalita.
    • È importante vedere entrambi i lati di un muro umido, come il lato del vicino di un muro divisorio. Da notare un Party Wall ecc. Sarà necessario un accordo con la legge del 1996, quindi saranno coinvolti.
    • Entrambi i lati di un muro devono essere umidi e la linea di umidità deve essere orizzontale perché vi sia umidità di risalita.
    • Il rischio di una diagnosi errata è che l’umidità venga nascosta, possibilmente intrappolata e causi danni maggiori altrove.
la pioggia è la principale fonte di acqua e talvolta di vapore acqueo: un principio
La pioggia è la principale fonte d’acqua. I prodotti rotti per l'acqua piovana sono una causa frequente di umidità.

Le proprietà non sono costruite umide

Le proprietà non sono costruite con difetti di umidità. Sono i cambiamenti alle proprietà che causano umidità, estensioni mal progettate, trattamenti antiumidità inappropriati, riscaldamento centralizzato, doppi vetri o cambiamenti nello stile di vita come docce quotidiane.

Movimento dell'acqua

L'acqua si muove in tre modi;

  • Liquido che scorre, sempre verso il basso che si tratti di acqua piovana o di una perdita.
  • vapore disperderà l'acqua attraverso l'aria da un'elevata pressione di vapore (quantità) a una bassa.
  • Assorbimento di acqua. Il materiale da costruzione poroso assorbirà l'umidità in tutte le direzioni equamente in assenza di gravità, ma principalmente verso il basso con gravità.

Eliminando gli effetti del vapore

La condensa si trova in quasi tutte le proprietà in una certa misura. È causato da un'estrazione insufficiente di vapore alla fonte ed è aggravato da calore o isolamento insufficienti. 

L'aria a qualsiasi temperatura ha la capacità di trattenere vapore acqueo. La percentuale di vapore rispetto alla capacità è nota come umidità relativa o %RH. All’aumentare della temperatura aumenta la capacità, viceversa al diminuire della temperatura l’aria trattiene meno vapore fino a una temperatura in cui inizia a formarsi la condensa. Questo è chiamato punto di rugiada. A meno che il vapore non venga scaricato all'esterno di una proprietà, quando la temperatura scende di notte, si formerà della condensa su una superficie fredda all'interno o all'interno del materiale da costruzione.

Spesso l'umidità proveniente da altre fonti può essere eliminata attraverso la ventilazione. Pertanto, migliorare e monitorare la ventilazione è uno strumento vitale. Se leggi attentamente i documenti forniti dalle aziende produttrici di prodotti per la protezione dall'umidità, come Kenwood, Rentokil e Aquapol, in genere consiglieranno una migliore ventilazione, insieme al trattamento consigliato.

È probabile che sia la ventilazione economica a risolvere il problema dell’umidità. Il costoso trattamento antiumidità probabilmente non fa alcuna differenza. In alcuni casi peggiora le cose. In altri casi maschera il problema permettendo alla fonte di umidità di provocare marciumi.

Ponte termico

L'umidità si condensa prima sulle superfici fredde. Alcune superfici possono perdere calore più rapidamente di altre superfici, come una singola lastra di vetro, un RSJ metallico che supporta un'estensione, listelli metallici da intonacatori, camini, mattoni umidi, pavimenti solidi o soffitti non isolati. 

Difetti del legno

Il rischio maggiore per qualsiasi proprietà deriva dalla putrefazione, in particolare dalla putrefazione secca che danneggia il legname del piano terra. La putrefazione cresce solo dove è presente l'acqua. Il rischio di marciume diminuisce se il flusso d'aria fa evaporare l'acqua. L’umidità diagnosticata erroneamente e trattata in modo errato aumenta il rischio di marciume.

I danni da tarlo sono comuni nel legno vecchio, ma molto raramente sono attivi poiché il legno vecchio normalmente non è sufficientemente nutriente. Il legname umido ha maggiori probabilità di essere colpito dai tarli rispetto al legname secco. A differenza della putrefazione, i tarli possono persistere anche dopo che la fonte di umidità è stata eliminata. Il tarlo attivo è facile da identificare e trattare. 

Muffa 

La muffa si forma solo quando l'umidità relativa supera l'85% di umidità relativa per 6-8 ore a seconda della specie. Il punto di muffa è la temperatura al di sotto della quale esiste il rischio che si formi muffa. La muffa non è pericolosa in ambito residenziale ma è segno di una ventilazione insufficiente.

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Traduci